La Slovenia da scoprire

La Slovenia si trova dietro l’angolo eppure in Italia è relativamente sconosciuta. Chi sa, com’è? Che paese è? Come sono i Sloveni poi? Come si mangia in Slovenia, che si fa di divertente? C’è un buon metodo per cominciare a scoprirlo. Farci qualche viaggio!

131576565_778921f079.jpg

La maggior parte delle persone che visita la Slovenia per la prima volta rimane sorpresa dalla bellezza di questo paese. Io spesso dico, che la bellezza del bel paese non finisce al confine. E i Sloveni poi, come sono? Questo è un discorso che bisogna veramente esplorare di persona. Dico solo, che non sono tutti uguali, e che i luoghi comuni riguardo a loro sicuramente non valgono per tutti.

E dove si comincia con l’esplorazione della Slovenia? In questi tempi, quando c’è l’internet, il sito: vacanze-slovenia.com è sicuramente uno dei posti migliori dove cominciare. E poi… magari col treno?

L’Alpe Adria… dove il mare e i monti s’incontrano…

In questi giorni è caduta la neve. Sono passato su una collina, che si chiama Belvedere ed ho scattato questa foto dell’Alpe Adria, della parte più a nord dell’Adriatico.

Grado, Alpe Adria

 

Oggi la visibilità e cosi buona, che si vedono anche le Alpi, che sono al nordovest di Grado. Non sono pero sicuro, come si chiamano quelle Alpi. Ho deciso di guardare verso sera sulla mappa se quello sono già le Dolomiti o meno.

Sembra proprio che è cominciata la stagione dello sci. Chi sa, se quest’anno riuscirò andare a sciare? In Slovenia abbiamo molte possibilità… solo che io vivo al mare e non sono tanto bravo a sciare. Pero con la tecnica spazzaneve me la cavo bene… vedremo…


Escursionismo per la salute

Escursionismo Slovenia

Camminare fa bene. Anche nuotare fa bene, ma con il tempo che fa e con il mare, che ha soltanto 20 gradi questi giorni, preferisco andare a camminare. Vedrò poi, se sarà solo una camminata o quasi un escursione. Ma in ogni caso l’occasione giusta per riflettere un po sia sull’escursionismo in generale che sull’escursionismo in Slovenia.

Lo sapete che cos’è che mi piace dell’escursionismo? Che è una ricreazione da fiacconi. Non ci vuole una volontà di ferro per praticarlo, come per esempio per l’alpinismo, il culturismo o la maratona. Basta camminare e quando si è stanchi ci si siede e si riposa un po. É rilassante, uno cammina, respira, si fonde con il paesaggio.

L’escursionismo poi è sostenibile. Non inquina, non ha un grande impatto sociologico. Non è un gran business. Perciò non viene tanto pubblicizzato.

La Slovenia è una gran bella destinazione per l’escursionismo. É verde, è tranquilla, è conveniente. C’è ne per tutti i gusti. I monti, il mare, la pianura, persino nelle grotte… Anche con l’accomodamento c’è l’imbarazzo della scelta. Le possibilità vanno dai campeggi a due stelle fino ad alberghi a cinque stelle superior. La Slovenia poi è cosi vicina. Ma differente.

La mia odierna camminata invece sta diventando un escursione anch’essa. Mi trovo sulla Parenzana, la strada della salute e dell’amicizia che va lungo la costa slovena. E’ bellissimo! E’ dopo un ora di camino la schiena mi si sta proprio rilassando. Anche gli occhi. Lavoro troppo con il computer.

Non bisogna venire proprio in Slovenia per fare l’escursionismo. Anche vicino a casa vostra ci sono dei gran bei sentieri. Ma se mai pensate della Slovenia, l’escursionismo potrebbe essere una cosa da prendere in considerazione.

Capodistria, punto di partenza per le avventure istriane

3450008938_ac359ef7bc.jpg

 

Capodistria è la più grande e importante città della costa slovena. Si trova a 20 chilometri da Trieste e arrivando da quella direzione è la prima maggiore città istriana. Come tale è una meta quasi obbligatoria per chi ci è soltanto di passaggio andando nell’Istria croata, oppure può essere un ottimo punto di partenza per andare a visitare i luoghi vicini, se ci si ferma a soggiornare.

La città ha una storia ricca e dinamica che si può cominciare a conoscere facendo una passeggiata nel centro storico. C’è la Cattedrale di San Nazario, la cattedrale più grande della Slovenia, c’è il Palazzo Pretorio, che una volta ere la sede dei podestà della Repubblica di Venezia. Ci sono poi molti altri edifici storici da esplorare.

Capodistria offre anche altri tipi di avventure. Nel fine settimana c’è una vita notturna movimentata nei bar e nelle discoteche, tra le quali attualmente la più visitata è il Disco Planet. Ci sono spesso concerti e altri eventi, specialmente nel periodo della stagione estiva. I dintorni della città offrono poi molti itinerari e paesaggi pittoreschi da visitare.

In città ci sono poi più alberghi, molti ristoranti e varie altre offerte turistiche aggiuntive. Per saperne di più su Capodistria si consiglia la visita del sito delle vacanze in Slovenia. Se invecie ci sarebbe bisogno di una guida turistica per Capodistria si consiglia il sito delle guide in Slovenia.

 

L’escursionismo in Slovenia

3889184069_e79913a875_m.jpgL’escursionismo è uno dei più salubri tipi di ricreazione. Brucia calorie, regola la pressione, elimina il stress e ha centinaia di altri effetti benefici sul corpo. E un eccellente tipo di cura aggiuntivo per molti disturbi e malattie della vita moderna, che purtroppo sono anche in aumento.

La Slovenia ha delle perfette predisposizioni per questo tipo di ricreazione, perché ha tanti boschi, paesaggi pittoreschi, sentieri marcati, strutture di accoglienza per gli escursionisti e una sana cultura d’escursionismo. Esso poi fa anche parte di un turismo sostenibile per il quale la Slovenia sempre di più si sta decidendo.

E’ praticamente possibile andare a fare escursioni se si sta in qualsiasi parte del paese. Per conoscerne di più sulla Slovenia si consiglia la visita del sito delle vacanze in Slovenia.

 

 

La Slovenia, e perché no?

2988159519_a62b5d69a0.jpgSe va avanti cosi la primavera sarà presto qui. E con il bel tempo la voglia di andare in giro a esplorare il mondo. Ma dove? Il Nord Africa al momento non sembra proprio il caso. Il Sud America? E’ favolosa, pero costa. E se la crisi economica dovesse continuare? Meglio non spendere troppo. Se si rimane in Italia poi? Da tutto il mondo vorrebbero stare nel bel paese. Però sarebbe anche bello dimenticarsi di Silvio e dei suoi magistrati per qualche giorno!

Le possibilità rimangono per fortuna ancora molte. E visto che questo blog è dedicato ad essa… la Slovenia? E’ perché no? Ce ne per tutti i gusti, per chi è in ricerca del benessere, per gli amanti della natura, per i sportivi, per le famiglie, per i golosoni, c’è il mare, c’è la montagna. C’è un po di tutto. E poi la Slovenia è sicura, relativamente conveniente, vicina ma differente. In più si sta impegnando per un turismo verde e sostenibile.

Perché no? Chi ha detto, che il bel paese finisce alla frontiera? E non può fare che bene dimenticarsi per qualche giorno delle solite faccende. Da dove cominciare? Visitando il sito delle vacanze in Slovenia potrebbe essere un buon punto d’inizio. Perché qualche volta il viaggio comincia già prima della partenza.

 

Gli Italiani avventurieri in Slovenia

63910282_31b0bdbf0a.jpgUn paio di giorni prima della fiera del turismo BIT Milano, l’Ente per il turismo della Slovenia ha tenuto una conferenza stampa all’hotel Principe di Savoia a Milano. Il direttore dell’ufficio per l’Italia ha sottolineato alcuni fatti interessanti riguardo al turismo Italiano in Slovenia.

L’Italia è cosi diventata negli ultimi anni il mercato emittente più consistente per la Slovenia e l’interessamento per questo piccolo paese è anche in forte accrescimento. Il ‘prodotto’ che di più interessa gli Italiani è l’Istria, seguita dalle terme e poi dai monti e dai laghi. Il voto riguardo alla Slovenia in generale, pronunciato dai visitatori Italiani tramite vari sondaggi e stato in maggioranza ‘straordinario’ oppure ‘molto buono’.

Un altro fatto esposto in questa rassegna stampa e anche l’intento della Slovenia di posizionarsi nel 2011 sul mercato mondiale come una destinazione eco-sostenibile. La Slovenia ha infatti delle caratteristiche eccellenti per questo tipo di turismo.

Si può quindi vedere che la piccola vicina di casa sta diventando sempre più notevole. Un augurio dalla parte del scrittore di queste righe e che l’avvenire ci porterà anche una risoluzione riguardo alle divisioni create da varie ideologie nel secolo passato da tutt’e due le parti. Sperando che anche esse diventeranno un offerta turistica addizionale in vari musei della storia.

 

‘Sento la Slovenia’ in piazza a Milano

Aufbiks.jpgLa via migliore per conoscere un paese e di andare e visitarlo. Ma le circostanze delle nostre vite quotidiane spesso non ce lo permettono, almeno non cosi spesso come vorremmo. La buona notizia qui è, che qualche volta una parte del paese che ci interessa viene a presentarsi vicino a noi. Ciò succederà anche dal 17 al 20 Febbraio 2011 alla Borsa Internazionale del Turismo a Milano, dove la Slovenia già tradizionalmente si presenta con stile.

Quest’anno ci sarà anche un evento straordinario che succedera fuori da Fieramilano. Si tratta di un concerto intitolato ” I feel sLOVEnia” (sento la Slovenia) che avrà luogo il 17 Febbraio dalle ore 18 fino a mezzanotte sulla piazza Tito Minnitti nel quartiere di Milano detto Isola. Il gruppo musicale “Aufbiks” presenterà la musica popolare slovena in una vesta più moderna. Gli organizzatori promettono, che ci sarà da divertirsi.

I viaggi qualche volta cominciano già prima della partenza. Nei giorni dal 17 al 20 Febbraio ci sarà, per chi vive vicino a Milano, una buona occasione per scoprire molte buone ragioni, perché includere la Slovenia nei prossimi itinerari.

 

 

 

 

Il percorso della salute e dell’amicizia Parenzana

5136913941_4ebb1a30ef_m.jpg

Un altro buon esempio di collaborazione transfrontaliera è anche il percorso della salute e dell’amicizia detto Parenzana, che parte da Trieste, passa lungo la costa slovena per arrivare fino a Parenzo nell’Istria croata. E un progetto che è nato in base ad una decisione congiunta dei comuni sloveni, croati e italiani, attraverso i quali si snodava in passato la Parenzana, il tracciato della vecchia ferrovia che una volta collegava le città di Trieste e Parenzo con i luoghi situati lungo la ferrovia.

Oggi la Parenzana e diventata una pista dedicata agli escursionisti, ciclisti, corridori, sportivi e a tutti coloro che apprezzano un stile di vita sano e che vogliono conoscere meglio il luogo in cui vivono oppure ci sono venuti per le vacanze. Il percorso della salute conduce attraverso paesaggi pittoreschi e villaggi antichi, ora nel vicinanza della costa ora per i vigneti e gli oliveti, entra nelle gallerie, taglia le valli e si arrampica sulle colline. Ha un percorso movimentato ma adatto a tutti, non essendo esigente ma interessante, svariato e informativo. Sono numerose anche le aree di riposo dove si può riprendere fiato o avere altre informazioni interessanti.

Senz’altro un percorso molto interessante da scoprire per chi si trova sia a Trieste che nella parte slovena dell’Istria che nella parte nord dell’Istria croata. Le impressioni dei visitatori che ci sono già stati e sempre stata molto buona.